Japandi. L’incontro tra arredamento scandinavo e giapponese.

Share on facebook
Share on pinterest
Share on twitter
Share on whatsapp
stanza da letto in stile japandi con pavimento in legno e letto con richiami scandinavi

Se cerchi una risposta rapida alla domanda “Che cos’è il japandi?”, la prima cosa che dovresti sapere è che il suo nome è formato da due parti.

  1. Jap –> da Japan
  2. -andi –> da Scandinavian

Tutto nasce nel 2017, quando lo stile scandinavo o nordico, con la sua essenza minimalista e rustica viene accostato in un momento di stupore generale all’eleganza tradizionale e tipica dell’arredamento giapponese.

Ti stai chiedendo se il japandi rispecchia la tua personalità e se sarebbe il giusto stile da abbinare all’ambiente della tua casa?

Abbiamo raccolto le informazioni più rilevanti sull’argomento, in modo da rispondere alla tua domanda ed aiutarti a prendere le giuste decisioni sui tuoi prossimi acquisti.

Pronti? Iniziamo.

Un salotto in stile japandi con un tavolino da tè
I tappeti in stile nordico e tavolini da tè sono fatti l’uno per l’altro

Per rispondere in maniera più completa, che cos’è di preciso il japandi?

Due stili differenti nati in emisferi della terra opposti tra loro, hanno creato quello che sarebbe poi diventato uno tra i trend d’arredo per la casa più apprezzati in Italia e nel resto del mondo.

Tutto nasce con la fusione tra lo stile moderno dell’arredamento scandinavo e l’eleganza unita alla cultura persa nel tempo dello stile giapponese.

Per assurdo, nonostante la distanza culturale tra i due paesi, lo stile scandinavo e quello giapponese condividono principi molto simili tra loro.

A differenza di molti stili di arredamento moderno i quali puntano ad un’eccessiva e abbondante decorazione, la filosofia di design di entrambe le culture si basa sull’eliminazione di ciò che non è necessario, puntando di proposito maggiore attenzione sugli elementi più importanti dell’ambiente in modo da farli risaltare.

Mai come prima il detto “l’unione fa la forza” è stato più vero. Il japandi risponde al bisogno di smorzare gli accostamenti giapponesi a volte troppo eleganti, grazie ai tocchi rustici del design scandinavo.

Dall’altro lato il minimalismo nordico che a volte può sembrare eccessivo e freddo per molti, è completato dal set di colori caldi tipici orientali.

Come scegliere il giusto contrasto di colori per creare l’abbinamento perfetto.

vasca da bagno con doccia e lavandini in stile japandi
La vasca da bagno richiama perfettamente lo stile delle case giapponesi

Ti è mai capitato di entrare in una casa e innamorarti perdutamente della sua architettura, accostamenti di colore e scelte di design, come se chi l’avesse allestita avesse scoperto la formula magica per creare una forma d’arte d’arredamento definitiva?

Spesso questo è dovuto ad un’associazione che la nostra mente crea in base a quelle che sono le nostre esperienze passate.

Tendiamo ad amare tutto ciò che è coerente e simile ai luoghi che in passato abbiamo già giudicato come “incantevoli” e che più ci hanno colpito fino a quel momento.

Quest’associazione avviene anche in base alla simmetria che gli elementi disegnano in un determinato spazio. La maggior parte di quello che noi chiamiamo bellezza infatti, non è altro che simmetria.

Oltre l’accostamento geometrico delle forme tra di loro, un contrasto tra diverse tonalità accostate, può creare vibrazioni accese e piacevoli allo sguardo. Questo è proprio uno dei principi che il japandi sfrutta maggiormente per trasmettere sensazioni eccitanti e piacevoli alla vista.

Il trend ibrido tra arredamento giapponese e scandinavo ha delle sfumature ben definite. Da una parte il design nordico è caratterizzato da toni chiari, neutri, pigmentazioni color pastello e legni naturali. Dall’altra lo stile giapponese racchiude tonalità ricche, legni con colorazioni accese di solito unite a dettagli neri e rossi.

L’abbinamento tra questi due stili spesso inizia con una base di fondo scura all’interno della stanza, in genere usando un colore saturo e neutro, tipico degli ambienti giapponesi.

Fatto ciò, il contrasto viene creato integrando nell’ambiente un mix di legni chiari, preso in prestito dallo stile nordico, e tonalità chiare e nere.

DI solito gli accenti sono monocromatici, ma a volte delle sfumature vivaci possono essere integrate tramite elementi naturali come le piante di casa.

Come combinare i due stili dentro casa.

Sala da pranzo con divano, tavolo e sedie in stile japandi
Un divano in stile nordico circondato da legno utilizzato nelle case giapponesi

Un aspetto importante da tenere in mente è il giusto abbinamento tra i mobili. Come ben sai i mobili sono una di quelle cose che saltano subito all’occhio dei tuoi ospiti ed una giusta distribuzione all’interno della stanza può far la differenza tra un figurone e una figuraccia.

Tenendo questo in mente per creare uno stile japandi d’effetto e ben bilanciato è di chiave importanza saper mischiare tra loro i diversi tipi di legno. Il primo più rilassato, quasi da fattoria dello stile scandinavo e il secondo più deciso e raffinato dell’arredamento giapponese.

Poni attenzione anche nell’incorporare pezzi d’arredo con linee curve e rette tra di loro.

In questo modo riuscirai a trasmettere una personalità forte e decisa all’intero ambiente di casa, e se hai fatto bene il tuo lavoro riuscirai a spiaccicare un’espressione di meraviglia sul volto dei tuoi amici e familiari.

Come scegliere accessori japandi d’effetto.

camera arredata in stile japandi con panca, tavolino, tappeto e accessori vari
Alcuni accessori in commercio ispirati allo stile japandi

Gli accessori in questo contesto giocano un ruolo minore visto l’obiettivo principale di mantenere un certo design minimal ed essenziale.

Questo non sminuisce affatto però la loro l’importanza, in quanto anche se in minima quantità trasmettono un messaggio mirato e di personalità al contesto.

Gli accessori scandinavi si focalizzano perlopiù sul comfort, come tappeti morbidi e coperte intime e dall’aspetto accogliente per creare una sensazione di ambiente casalingo.

Gli oggetti giapponesi contribuiscono con la loro accentuata natura funzionale e utilitaria, ancor più di quella del design scandinavo, come vasi o divisori e pareti scorrevoli.

Anche qui le case in stile japandi hanno un mix bilanciato di entrambi i tipi arredo in modo da mantenere il giusto contrasto tra le diverse culture.

Consiglio bonus.

piante in una stanza arredata in stile japandi con una panca in legno e un tavolino
L’aggiunte di alcune piante da casa serve da collante fra i due stili

Esiste un fattore davvero unificante e che aiuta a “mescolare” in maniera più naturale i due stili di design. Parliamo delle piante da interni.

Una pianta verde trova spazio in maniera armonica e naturale unendo i diversi elementi d’arredo e creando la percezione che il japandi sia uno stile a se stante piuttosto che l’unione di due tipi differenti.

Le palette di colore verde naturale si abbinano alla perfezione con il legno presente nel resto dell’ambiente, amplificando maggiormente il richiamo alla natura e alla semplicità che caratterizza lo stile nordico ma anche quello giapponese.

Il trend del japandi è entrato nelle nostre case solo nel 2017 ma probabilmente è qui per restarci.

Lo stile d’arredamento scandinavo e quello giapponese sono tra i più apprezzati da i più famosi critici ed esperti di design mondiale ed una fusione tra la cultura nipponica e quella scandinava promette di essere l’inizio di un’espressione artistica che andrà a permeare il mercato globale dell’interior design.

E tu cosa ne pensi? Hai suggerimenti, domande, oppure dei consigli su come creare un ambiente in stile japandi? Scrivili pure nei commenti in basso.

Lascia un commento

In cosa crediamo a Casa.land

Siamo fortemente convinti che l’ambiente in cui viviamo ha  un impatto troppo grande sul nostro umore per essere trascurato.

Il nostro stato d’animo si riflette sulle nostre relazioni e le nostre storie di vita.

Per questo nessuno dovrebbe vivere in una casa noiosa e deprimente.

Post recenti

Chiudi il menu
×

Carrello

Scarica gratis la guida sui 5 errori che danneggiano il design della tua casa.

A quale indirizzo vuoi riceverla?